Home

Benvenuti in questa manifestazione di orgoglio maschile.

Questo sito dedicato all’essere più elegante, più raffinato, più coinvolgente, più essenziale, più contorto, più misterioso, in poche parole più TROIA.
Quanto state per leggere , senza indugi e senza false ironie, un trattato di misoginia. Il suo scopo rendere evidente la stupidit femminile, e la tendenza della “donna” ad assumere in maniera pressoché totale l’appellativo di “troia”.
La prima affermazione non richiede ulteriori spiegazioni, giacché qualsiasi maschio che si rispetti ha già avuto modo di costatarla per esperienza diretta (salvo che non sia autistico o sofferente del morbo di Eisenstein*). Per la seconda occorre fare alcune doverose precisazioni. Una parte di me (quella che poi ha prevalso) spingeva affinché io descrivessi a fondo questa caratteristica della femmina umana, dotando i miei lettori di un buon campanello d’allarme. Un’altra parte di me, invece, voleva che tenessi per me le mie tesi (peraltro dimostrate ampiamente nel seguito).
Mi ricordo una frase del mio buon amico P.G.: “sì, ho capito… ma non che puoi dirlo a tutti che le donne sono troie… qualcuno ancora non lo sa e gli rovini la sorpresa… quindi cerca di moderarti…” Per poco non gli davo retta Ma quando poi aggiunse: “poi almeno una di donna non troia ce ne sarà… e la troverò prima io!” Non ebbi pi dubbi e decisi di evitare che altri sventurati arrivassero a soffrire di questo miraggio. Le donne tutte troie? E allora? Le volevamo tutte suore? Naaaa meglio così… scopate scopate scopate… sarà l’Heavy Metal o il capello lungo ma io scopo sette giorni su sette. 6 giorni con la mia fidanzata e il venerdi con una random scelta dalla mia lista… e non ditemi che sono un bastardo, perché io vi amo tutte e non permetterei a nessuno di farvi del male…
… Al posto mio…

CHIEDO UFFICIALMENTE SCUSA: NON E’ VERO CHE LE DONNE SONO TUTTE TROIE…
…ALCUNE LO SONO MOLTO DI PIU’!

Dotata sì di pochi neuroni (alcuni studiosi sostengono siano solo 2, i famigerati CIP e CIOP), ma sufficienti per farle avere una patente di guida o avanzamenti di carriera (in molti casi ottenute con fellatio), la donna a volte viene identificata da maschi sprovveduti come il nemico o l’avversario. Per questo motivo deve essere conosciuta meglio per poter poi essere sconfitta (trombata e sfanculata), e non essere invece inculati (lei carinissima fino al matrimonio, poi diventa scureggiona** , acida e cacacazzi, ti salvi solo se lo diventa prima). Infine riuscirete anche a capire come dominare la vostra donna, facendo s che non diventi come la barba: quella se la fanno anche i preti.

Insomma, speriamo che non diventerete (se lo siete gi non c’è niente da fare) come quei nerd schifosi e viscidi non molto differenti dagli zerbini (PER UNA FEMMINA! AAAAAAAAHHH!) che hanno tanto la figa in testa da perdere sangue dal naso una volta al mese


* Eisenstein: regista del film “La Corazzata Potemkin”. Non c’è bisogno di aggiungere altro.
**Scureggiona: Dicesi di fanciulla dal bacino di dimensioni non molto contenute. Rientrano in questa categoria il 90 % delle donne, anche perché chi non lo pensa di esserlo e quindi si sfonda di insalatine scondite, soprattutto nel periodo che va da marzo a settembre, con un notevole impatto negativo sull’aspetto umorale già di per sé influenzato dalle fasi lunari.

L’ABC del Playboy

  • Mi piacerebbe che tu fossi una porta così potrei sbatterti tutto il giorno.
  • Che gambe carine! A che ora aprono?
  • Lavori per la DHL? Mi pare di averti già visto mentre controllavi il mio pacco.
  • Hai 206 ossa nel tuo corpo. Ne vuoi uno in più?
  • Posso offrirti da bere o preferisci i soldi direttamente?
  • Forse non sarò il più bell’uomo qua dentro, ma sono l’unico che ti sta parlando.
  • Sono veramente curioso di sapere come sei quando sono nudo.
  • Sai, se fossi in te scoperei con me.
  • Io, te, panna montata, manette… Domande?
  • Oh! Quei vestiti starebbero magnificamente appallottolati in un mucchietto nel pavimento della mia camera da letto!
  • Il mio nome è (nome)… ricordalo perché più tardi lo urlerai!
  • Credi nell’amore a prima vista o devo rientrare in questa stanza?
  • Che corpo!!! Sai cosa ti starebbe bene addosso? Io!

Lettera d’amore prima dei mondiali

Cara Moglie/Compagna/Fidanzata, dal 9 giugno al 9 luglio 2006 si svolgeranno i Campionati del Mondo di Calcio.

Qui di seguito ti invio le tredici regolette da seguire scrupolosamente per tutta la durata degli stessi.

DA IMPARARE A MEMORIA!!!!!!!!!!!

  1. Ti consiglio di leggere quotidianamente la Gazzetta dello Sport. In questo caso sarai sempre aggiornata su quello che sta succedendo al Campionato del Mondo ed avrai degli argomenti di discussione con i quali dialogare con me.
    Se non lo farai, sono CAZZI TUOI e non ti lamentare se non avremo nulla da dirci.
  2. Durante i Campionati del Mondo la televisione sarà mia e solo mia (a tutte le ore) e se ti capitasse di venire in possesso del telecomando, anche solo per pochi secondi, il consiglio che ti do è quello di non cambiare mai canale.
  3. Se sarai costretta a passare davanti alla TV durante una qualsiasi partita, sei pregata di farlo strisciando sul pavimento e senza disturbarmi.
    Se ti balenasse l’idea di passare davanti alla TV in perizoma o, peggio, completamente nuda, con l’idea di farti scopare, lascia perdere e vedi che questo tuo comportamento non ti porti a prendere l’influenza. Non ho assolutamente intenzione di perdere tempo nel doverti curare.
  4. Durante tutte le partite, io per te sarò cieco, sordo e muto fino a quando non avessi bisogno di chiederti qualche cosa da bere o da mangiare. Sei fuori di testa se pensi che io sia a tua disposizione per qualsivoglia richiesta (non aprirò la porta, non risponderò al telefono, non terrò a bada il bambino che sta piangendo).
  5. Sarebbe opportuno che nel frigo non mancassero mai delle lattine di birra ghiacciata e qualche cosa da sgranocchiarci assieme.
  6. Non fare mai battute simpatiche o facce strane quando i miei amici sono a casa nostra a guardare le partite, saresti patetica ma……come premio per il tuo buon comportamento, sarai autorizzata a guardare la TV nei pochissimi momenti in cui non si parlerà di calcio.
  7. Se l’Italia dovesse perdere qualche partita, non venirmi mai a dire”NON TE LA PRENDERE È SOLO UN GIOCO”, o , “VINCEREMO LA PROSSIMA VOLTA”. Mi farai incazzare ancora di più ed io ti amerò di meno.
  8. Sarai più che benvenuta qualora tu decidessi di guardare una partita assieme a me. Fai attenzione ho detto una partita. Non prendere i Campionati del Mondo come pretesto per passare più tempo assieme.
  9. I REPLAY dei goal sono molto molto importanti. Non me ne frega niente se li ho visti o non li ho visti, voglio rivederli, anche mille volte..
  10. Dì alle tue amiche di NON PARTORIRE e di non organizzare eventi dove è richiesta la mia presenza. Io per te avrò solo tre risposte:
    1. Non ci vengo,
    2. Non ci sono,
    3. Non rompere i coglioni
  11. ATTENZIONE, se qualche amico ci inviterà a vedere la partita a casa loro, devi essere pronta all’ora rio stabilito. Non saranno tollerati ritardi. In tal caso verrai a piedi.
  12. Le trasmissioni sportive durante il Mondiale sono importanti tanto quanto il mondiale stesso. Non voglio mai sentirti dire ” MA L’ABBIAMO GIÁ VISTO QUESTO” o “NON POSSIAMO VEDERE QUALCHE COSA D’ALTRO ??” perché la risposta sarà sempre la stessa [leggi punto 2 e 10 c)].
  13. Per finire, evita pure l’espressione ” GRAZIE A DIO IL MONDIALE È OGNI 4 ANNI”. Io sono immune da questa espressione, perché non ti scordare che dopo i mondiali c’è il CALCIOMERCATO, I PRELIMINARI DI CHAMPIONS LEAGUE, IL CAMPIONATO e LA COPPA ITALIA.

Ti ringrazio in anticipo per la tua comprensione

Aforismi

Le lacrime delle donne sono solo sudore degli occhi (Giovenale).

Quella ragazza aveva un culo così bello che meritava di stare davanti.

La birra contiene sicuramente degli ormoni femminili… infatti quando si beve molta birra non si riesce a guidare la macchina e si dicono un sacco di cazzate…

La donna è come un bellissimo fiore senza gambo: bisogna sempre mettergliene uno.

Una donna è una donna fino al giorno in cui muore; un uomo è un uomo finché ci riesce.

Le donne servono almeno a 10 cose: una la so, le altre 9 non me le ricordo.

È una donna senza peli sulla lingua. E se li ha … non sono i suoi.

Gli attori recitano per scopare, le attrici scopano per recitare.

“E vedesi che, colle donne, più che si fa, meno si merita, e che burlandosi loro di chi le adora, corron dietro a chi le disprezza” (Carlo Goldoni)

“Bagassasa si ne agattada meda, ma che sa femina” (Troie ce ne sono tante, ma mai quanto le donne) (Proverbio di Marieddu)

Per quanto male un uomo possa pensare delle donne, non c’è donna che non pensi ancor più male di lui. (De Chamfort)

Ogni donna, quando si prende un amante, dà maggior importanza a come quest’uomo è visto dalle altre donne che da lei stessa. (De Chamfort)

Le anime delle donne sono così piccole, che alcuni sono convinti che non ne abbiano affatto. (Butler)

La grande e quasi unica consolazione di essere una donna è che una può fingersi più stupida di quanto è, e nessuno se ne meraviglia. (Stark)

Le brave ragazze vanno a letto alle 10 per essere a casa a mezzanotte! (Fabio Marangini)

La virtù femminile è la più grande invenzione dell’uomo. (Skinner)

Quando una donna dichiara di stimare un uomo è sottinteso che non lo ama. (Morandotti)

Meno si ama una donna, più si è sicuri di possederla. (Puskin)

Che una donna conceda i suoi favori o che li neghi, le fa sempre piacere che glieli si chieda. (Ovidio)

Ogni donna è casta se non ha chi la corteggia. (Boretor)

Le donne sono come le zanzare: l’unico modo perché non ti disturbino è dargli una botta!

Nessuno dirà tanto di te quanto la donna che non ami più. (Ojetti)

Le donne preferiscono aver ragione che essere ragionevoli. (Nash)

La donna è come il pesce: tolta la testa il resto è tutto buono!

Il sesso è la cosa più bella, naturale e pura che i soldi possano comprare.

Non esiste essere più perfido e maligno di una puttana che, per vecchiaia, è costretta a divenire bigotta. (Lichtenberg)

Quando ci amano, non amano proprio noi. Ma siamo proprio noi quelli che, un bel mattino, non amano più. (Geraldy)

La grande domanda alla quale non sono riuscito a rispondere, nonostante trent’anni di ricerche sull’anima femminile, è: “Che cosa vuole la donna?”. (Freud)

La donna è capace di civettare col primo venuto, a condizione che gli altri la guardino. (Wilde)

Non esistono donne che siano peggiori delle altre. (De Rgnier)

Se picchiate una donna con un fiore, usate una rosa. Per via delle spine. (De Rgnier)

Nulla è più insondabile della superficialità della donna. (Kraus)

Se la donna fosse una buona cosa, Dio ne avrebbe una.

Le donne non sanno di essere sedute sulla loro fortuna.

Le donne sono come le salsicce: budello fuori e maiale dentro.

Le bambine cominciano a parlare e a camminare prima dei maschi, perché la gramigna cresce sempre più in fretta del frumento. (Martin Lutero)

La donna è un tempio costruito su una cloaca. (Boezio)

Certe donne dovrebbero essere picchiate ad intervalli regolari, come i gong. (Victor)

La donna ha la forma di un angelo, il cuore di un serpente e la mente di un asino. (Proverbio tedesco)

Tre donne e un’oca fanno un mercato. (Proverbio danese, italiano e polacco)

Dove sono donne e oche il chiasso non manca. (Proverbio inglese)

Una donna parla ad un uomo, guarda un secondo e pensa ad un terzo. (Bhartrihari)

La casa è il mondo della donna; il mondo è la casa dell’uomo. (Proverbio estone)

Una donna deve uscire di casa tre volte: per il battesimo, per il matrimonio e per il funerale. (Proverbio inglese)

Una donna sta bene soltanto in casa o nella tomba. (Proverbio Afgano)

Fidia scolpì la statua di Venere con un piede appoggiato sul dorso di una tartaruga per significare i due grandi doveri di una donna virtuosa, che sono di badare alla casa e di restare in silenzio. (W. De Britaine)

È nella legge della natura che la donna sia sottoposta al dominio dell’uomo. (Confucio)

Spogliandosi dei suoi indumenti, la donna si spoglia del suo diritto di essere rispettata. (Erodoto)

Diciotto figlie belle come dee non valgono un figlio con la gobba. (Proverbio cinese)

La gente mi chiede quanti figli ho: io rispondo che ho un bambino e sette errori. (Mohammed Alì)

Una giovane moglie dovrebbe essere nella sua stessa casa niente di più di un’ombra e un’eco. (Detto giapponese)

Le donne preferiscono non capire nulla piuttosto che avere torto.

Dicono che la donna sia come l’ombra, che, ovunque tu vada, ti segue.
Vorrei sottolineare che la donna è un pochino più ostinata dell’ombra: infatti l’ombra al buio ti lascia in pace.

Una donna non ammetterà mai d’aver avuto torto: ella pensa semplicemente di non essere riuscita ad esprimersi con sufficiente chiarezza.

La donna è come il salvadanaio. Dobbiamo romperle la testa per tirarne fuori quel poco di buono che vi abbiamo messo dentro noi stessi.

Vi sono donne che chiedono a un’amica di custodire un segreto solamente per diffondere la notizia.

Quando due donne hanno trascorso un’ora a dir male di un’altra, credono veramente di essere amiche fino alla morte.

Nella discussione le donne hanno questo di speciale, che ammettono tutte le vostre argomentazioni, ad una ad una, ma sfuggono alla conclusione.

Lasciate le donne perplesse: avrete sempre la loro curiosità a vostro favore.

La donna ride quando può, piange quando vuole.

Le donne si lasciano convincere da colui che ragiona, non dai suoi ragionamenti.

Le donne sono i mezzi di trasporto delle fighe.

Lasciare una donna è come sparare ad un cavallo ferito… ti dispiace ma sai che lo devi fare.

Le ragazze sono come le scoregge: quando si espandono vanno mollate subito!

I briganti ti chiedono la borsa o la vita; le donne le vogliono tutt’e due. (Butler)

Le donne corrono dietro agli stolti; fuggono i saggi come animali velenosi. (Erasmo da Rotterdam)

Se fra cento donne vuoi riconoscere la più puttana scegline una a caso.

La donna è un po’ come una bella gabbia, fatta solo per ospitare uccelli.

Quando le donne hanno oltrepassato la verginità cominciano a sorriderti di più.

La donna più si concede, più estorce.

Che ti dica di no o di sì offrile sempre un dito medio.

A volte esistono donne così puttane da credere ad una loro verginità.

La donna è come una cima maestosa su cui tanti scalatori hanno affondato i loro picconi.

Se dici “puttana” ad una donna questa si offende per paura di riconoscersi.

Le donne riescono ad essere sempre più puttane di quello che già sono.

4 sono i miracoli delle donne:

  1. si bagnano senza acqua
  2. sanguinano senza ferirsi
  3. fanno latte senza mangiare erba
  4. rompono i coglioni senza toccarli

Se le donne ancora dicono di essere vergini, è perché hanno lavorato di bocca.

Fai sempre in modo che non alzino troppo la testa, se non per riprender fiato…

Tappe della fica: fiorire, trionfare, tanfare.

Ad una donna che fa storie rispondi: “Ciò che cerchi da qualcun’altro l’hai adesso a portata di mano!”

Se da una donna pretendi ed ottieni, non è detto che sia meno puttana di colei dalla quale non pretendi niente.

Dalla vetta al baratro c’è sempre di mezzo una donna e poche volte il contrario.

Per una donna si può anche morire: soprattutto in molti film romanzati e in certi harmony.

Nessuna donna vi negherà la fica se avrà la certezza di non poterla concedere ad altri.

Le donne vanno svestite o per piacere o per procurare invidia.

Le donne ricordano più facilmente gli uomini che hanno negato loro il pene rispetto a quelli che lo hanno loro concesso; e non è necessariamente una questione di memoria.

Ama la tua ragazza, pensa pure a qualcosa di serio con lei, ma ricorda che prima è donna e poi femmina.

L’influenza su una donna l’avrai sempre in base al suo grado di “astinenza”…

Le donne sono di due tipi: quelle che volano e le troie.

Ottimista è colui che crede che una donna abbia terminato la sua telefonata solo perché ha detto : “…allora ti saluto…”

Perché parlare male di una donna? Non basta dire che è una donna?

Si sa come son fatte le donne! Prima si divertono e poi alla prima centrale nucleare che esplode vogliono abortire!

Ho chiesto a mia moglie dove voleva andare per l’anniversario.
“In qualche posto dove non vado da molto tempo” ha risposto.
Così le ho suggerito di andare in cucina.

Ci teniamo sempre per mano. Se la lascio andare comincia a spendere.

Mia moglie ha detto che l’auto non andava bene perché c’era troppa acqua nel carburatore.
Le ho chiesto dov’era l’auto e mi ha risposto “nel lago…”

All’inizio Dio creò la terra e si riposò. Poi creò l’uomo e si riposò. Poi creò la donna. E da allora né Dio né l’uomo hanno più riposato.

Ogni mattina una gazzella si sveglia, sa che dovrà correre più veloce di qualcuno o verrà stuprata. Ogni mattina una donzella si sveglia, sa che dovrà correre più veloce di qualcuno o resterà incinta…. non importa che tu sia donzella o gazzella… basta che respiri.

Se la donna non avesse la parola sarebbe un elettrodomestico perfetto.

Le donne sono come le mosche: o si posano sul miele o sulla merda. (Truman Capote)

Le donne sono come il pigiama; servono solo per andarci a letto.

Le donne sono come le pistole: ne tieni una accanto per un po’ di tempo e ti vien voglia di usarla.

Un uomo pagherà 2 euro un oggetto del costo di 1 euro che desidera veramente. Una donna pagherà 1 euro un oggetto che costa 2 ma non sa assolutamente che farsene.

Una donna si preoccupa del futuro fino a quando non trova marito. Un uomo non si preoccupa mai del futuro finché non prende moglie.

Un uomo di successo è uno che fa più soldi di quanti sua moglie riesca a spendere. Una donna di successo è colei che trova un uomo di successo.

Per essere felici con un uomo bisogna capirlo molto e amarlo poco. Per essere felici con una donna bisogna amarla molto e cercare di non capirla.

Gli uomini sposati vivono più a lungo dei single, ma hanno più manie suicide.

Ogni uomo sposato dovrebbe dimenticare i propri errori: è inutile ricordare in due le stesse cose.

Gli uomini al mattino sono dello stesso aspetto della sera prima. Le donne si deteriorano durante la notte.

Una donna sposa un uomo aspettandosi che cambierà, ma non accade. Un uomo sposa una donna sperando che non cambi, e invece…

Una donna ha l’ultima parola in ogni discussione. Qualsiasi cosa dica un uomo dopo di essa, è considerato inizio di una nuova discussione.

Sono 2 i momenti in cui un uomo non riesce a capire una donna: prima del matrimonio e dopo.

Le donne sono come le bistecche: quando fanno sangue vanno girate.

Le categorie più bugiarde sono i cacciatori e le donne. I cacciatori prendono un uccello e dicono di averne presi venti, le donne ne prendono venti e dicono di averne preso solo uno…

Le donne si dividono in due gruppi: le donne troie e le donne pure.
Le troie sono troie, le pure pure.

Le donne sono come le piscine: i costi di manutenzione sono troppo elevati se paragonati con il tempo che trascorriamo dentro ad esse.

Le donne non saranno mai uguali agli uomini finché non riusciranno ad andare in giro con la testa pelata e la panza da birra continuando a pensare di essere belle.

Questione di bisogni

Non avevo mai capito perché i bisogni sessuali degli uomini e delle donne sono così differenti.
Non avevo mai capito tutte quelle storie di Marte e Venere.
E non avevo mai capito perché gli uomini riflettessero con la testa e le donne con il cuore.

Una notte della settimana scorsa, mia moglie ed io ci siamo coricati, abbiamo cominciato a stuzzicarci sotto le coperte cominciando a palpeggiarci un po’ ovunque…
Io ero già arrapatissimo e credevo fosse reciproco dato il carattere esplicitamente osè delle nostre carezze…
Ma in quel preciso momento mi dice:
– Ascolta… ora non ho voglia di fare l’amore, ho soltanto voglia che tu mi stringa forte tra le tue braccia, mhm?

E ho detto:
– COSA?!?!?

Allora lei mi ha detto le parole magiche:
– Tu non sai entrare in connessione con i miei bisogni emotivi di donna…

Alla fine ho capitolato e, rassegnato, mi sono detto che quella notte non avrei scopato, così mi sono addormentato.

Il giorno seguente siamo andati a fare shopping al centro commerciale.
Io la guardavo mentre provava 3 vestiti belli, ma molto cari.
Siccome non riusciva a decidere, le ho detto di prenderli tutti e tre.
Allora, tutta emozionata e motivata dalle mie parole comprensive mi ha detto che avrebbe avuto bisogno anche di un paio di scarpe con cui portarli, ma che costavano 400 euro, al che ho detto che mi sembrava giusto.
Dopo siamo passati dalla bijouteria, da dove è uscita con dei braccialetti tempestati di diamanti.
Poverina… se l’aveste vista… era emozionatissima!
Penso che credesse che stavo impazzendo, ma, a dire il vero, non è che se ne preoccupasse molto…
Credo mi stesse mettendo alla prova quando mi ha chiesto un carissimo vaso cinese per arredare la mensola del camino. Ma penso d’aver distrutto tutti i suoi schemi mentali quando le ho risposto ancora di si.

A questo punto era quasi eccitata sessualmente… avreste dovuto vedere il suo viso!!! E’ in quel momento che col suo più bel sorriso da quando siamo sposati mi ha detto:
– Andiamo a pagare alla cassa!

E’ stato difficile trattenersi dal ridere quando le ho detto:
– No amore, credo che ora non ho voglia di comprare tutta questa roba!

Avreste dovuto vedere il suo viso, davvero, è diventata molto pallida e lo è restata quando ho aggiunto:
– Voglio soltanto che tu mi stringa fra le tue braccia…

E nel momento in cui il suo viso cominciava a riempirsi di collera ed odio, ho semplicemente aggiunto:

– Tu non sai entrare in connessione con i miei bisogni finanziari di uomo…

Credo che non tromberò prima della primavera del 2020…

Scuola Guida

Impara a parcheggiare:



Fallback or ‘alternate’ content goes here.
This content will only be visible if the SWF fails to load.


La posta del cuore su Donna moderna

Ovvero cosa succederebbe se fosse un uomo a rispondere

D.: Mio marito vuole sperimentare un menage a tre con me e mia sorella.
R.: Tuo marito è chiaramente innamorato di te. Siccome tu non gli dai abbastanza, ricorre a quanto c’è di più vicino a te: tua sorella! Anziché arrabbiarti per questo, devi comprendere che sarà fonte di unione per la famiglia. Perché non coinvolgi anche le tue cugine? Se invece la cosa ti disturba proprio, lascia che lui lo faccia solo con le tue parenti, compragli un bel regalo costoso e non lo rimproverare per il suo comportamento.

D.: Mio marito insiste perché gli esegua del sesso orale sino alla fine.
R.: Devi farlo senz’altro! Non solo il seme maschile è delizioso, ma contiene anche 10 calorie per cucchiaiata. E’ nutriente e ti aiuta a conservare la linea, oltre a rendere morbida la tua pelle. Sei fortunata: tuo marito è a conoscenza di tutto ciò e le sue richieste sono del tutto disinteressate. Il sesso orale è estremamente doloroso per l’uomo, e questo prova che lui ti ama veramente. La cosa più bella che puoi fare per ringraziare tuo marito è comprargli un bel regalo costoso e preparargli una deliziosa cenetta.

D.: Mio marito passa le notti con i suoi amici puttanieri.
R.: Questa condotta è perfettamente naturale e deve essere rispettata. L’uomo è un cacciatore per natura, e deve misurare la sua forza con altri uomini. Anziché essere lasciva, una notte di caccia con gli amici per poi tornare da te è interessante e darà sollievo alla tua vita di coppia. Prova a fare caso a quanto è felice tuo marito quando la mattina rientra al suo focolare domestico. Il meglio che puoi fare per lui è comprargli un bel regalo costoso e preparargli una deliziosa cenetta.

D.: Mio marito non ha idea di dove sia il mio clitoride.
R.: La posizione del tuo clitoride non è un problema dell’uomo. Se devi giocarci, fallo nel tempo libero. Per contribuire al bilancio familiare, potresti registrare il tutto e vendere le videocassette al mercatino rionale della domenica. Se poi vuoi liberarti dal senso di colpa, comprargli un bel regalo costoso e preparargli una deliziosa cenetta.

D.: A mio marito non interessano i preliminari.
R.: I preliminari sono dolorosi per l’uomo. Il fatto che tu insista tanto per farli dimostra che non lo ami quanto dovresti. Lo sforzo che fa per metterti “dell’umore giusto” è già eccessivo. Abbandona queste pretese e fallo felice comprandogli un bel regalo costoso e preparandogli una deliziosa cenetta.

D.: Mio marito non mi ha mai fatto avere un orgasmo.
R.: L’orgasmo femminile è una leggenda. È stato creato da femministe militanti risentite contro l’uomo, ed è pericoloso per l’unione famigliare. Non menzionarlo più e mostra il tuo amore a tuo marito comprandogli un bel regalo costoso e preparandogli una deliziosa cenetta.

D.: Come faccio a sapere quando è il momento giusto per il primo rapporto?
R.: Chiedilo al tuo fidanzato. Lui saprà quando è il momento. Quando si parla di sesso, gli uomini sono molto più responsabili perché non sono confusi dalle emozioni come le donne.

D.: Devo fare sesso già al primo appuntamento?
R.: Sì, anticipando se possibile.

D.: Cosa devo fare esattamente durante il rapporto?
R.: Lascia fare al tuo fidanzato, e non fargli domande. Potrà sembrarti strano e perverso, me devi mostrare la tua fiducia in lui.

D.: Quale è la durata media del coito?
R.: Non c’è durata media, però oltre i due minuti è molto buono. Se si sta al di sotto, è perché metti troppa pressione al tuo compagno. Al termine, osserverai che il suo desiderio naturale è quello di abbandonarti e correre a giocare pallone, o al bar con gli amici a consumare quantità esorbitanti di alcol. Non ti sentire abbandonata, approfittane per stirare la sua roba, sistema il disordine che lui ha lasciato o, meglio ancora, corri a comprargli un regalo costoso.

D.: La dimensione del pene importa?
R.: Sì. Sebbene molte donne dicano che è da preferirsi la qualità alla quantità, studi scientifici dimostrano il contrario. La dimensione media del membro eretto è pari a 10 cm; quelli più lunghi sono estremamente difficili da trovare, ma se per caso il tuo amante ha un pene di 15 cm o più, devi ringraziare la tua buona stella e fare tutto il possibile per compiacere il tuo compagno, come comprargli un regalo costoso, lavare stirare la sua roba, preparargli una bella cenetta.

Al ristorante

Ovvero

NE ASSAGGIO UN PO’ DEL TUO…

A volte, le donne fanno e/o dicono cose che mi fanno imbestialire. Le amo, le adoro, e tutte queste belle cose, ma questo non cancella la terribile verità: fanno cose per le quali le impalerei.
La peggiore, in assoluto: quando ordini qualcosa in un locale (ristorante, pub, bar, ovunque), magari il dolce più buono del mondo, le chiedi se anche lei prende qualcosa… e la risposta è sempre, o quasi, la solita: “No, semmai ne assaggio un po’ del tuo”.
Ma cristo santo! Ma perché? Voglio dire, è il dolce più buono del mondo, ho mangiato per un’ora pensando a questo momento, immaginando il sapore del dolce sulla mia lingua… quei dolci buonissimi e piccoli, minuscoli, che si perdono in grandi piatti da nouvelle cuisine. Ne hai cinque forchettate ben messe, o una decina, se le fai piccole per far durare più a lungo quel piacere.
Già non ti basta la tua porzione… E devi dargliene un po’ a lei. Io non glielo voglio negare. Ma dico: porca troia, prendine una porzione e avanzala. Avanzala, non fa niente, butto via dei soldi ma almeno mi godo questo sottile piacere della vita.
Macché… Lo mangi vivendotelo male. Malissimo. Perché non sai quando attaccherà.
E, come in tutti i dolci che si rispettano, c’è una parte buona e una meno buona. La logica, se tu fossi tranquillo a casa tua senza rompicoglioni appostati come avvoltoi, ti direbbe di mangiare prima la parte meno buona (per esempio la crosta se è una crostata) e poi goderti la migliore in poche ma favolose forchettate, in un piacere così totale che cancella per un minuto tutti gli orgasmi che hai avuto.
Ma qui non puoi!
Qui c’è l’incognita: lei. Bastardissima creatura senza cuore che fa finta di niente, ma ricorda tutto. Se la conosci da tempo, se siete già alle scorregge mentre siete soli, allora mangi tutto in velocità (ma il piacere è inquinato da questa fretta) e alla fine la guardi desolato e triste dicendole: “Cazzo, scusami, l’ho mangiato tutto e me ne sono scordato… ne ordino un altro…”. Ti odierà. Sicuro ti odierà. Ma non dirà nulla e balbetterà un “Fa niente…” ingoiando un po’ di bile. Ma se la confidenza è ancora a un livello basso non puoi. Sai, loro controllano tutte queste piccolezze. Noi uomini giudichiamo le donne per certi aspetti più profondi e complessi (le tette, il culo…), ma loro no; loro osservano i dettagli e mica puoi cazzare su questo qui. E allora mangi questo dolce preso dal panico. Non puoi mica partire dalla crosta… Di solito, per uscire da questa situazione le ricordi il fattaccio.
“Prendine pure un po’…”, porgendole il piatto. Se ti va bene, ti prende i due pezzi migliori, ma almeno l’agonia è finita. Mangerai quello che ti rimane in tranquillità. Se ti va male, ti risponderà la seconda frase peggiore dopo “ne assaggio un po’ del tuo”: “No, avanzamene un po’”.
Un po’?! Che è “un po’”? Quantificami “un po’”. Quanto le avanzo, e che le avanzo? Mica le posso dare la crosta. No, porca troia, la crosta me la mangerò io, e a lei dovrò dare la parte buona, per giunta un bel pezzetto, mica posso fare la figura del pidocchioso.
La terza versione vede lei che all’improvviso, come un felino, fa volare la sua forchetta (o il cucchiaio, dipende dal dolce) nel tuo piatto, portandosi via un bel pezzo, magari quello che avevi evitato di mangiare per gustarlo alla fine. E continua tranquilla e beata in questa sua tortura, afferrando ogni pochi istanti un altro dei pezzi migliori, fino a mangiarteli tutti. Tutti i tuoi pezzi migliori.
Mi fa incazzare. Ho sognato quel dolce. Sono venuto in questo locale proprio per quel dolce. Io me lo sono ordinato e lo pagherò io. Tu non l’hai voluto. Cazzo, potevi prenderlo e non l’hai voluto. E ti sei mangiata il mio, brutta stronza.
Alcuni esempi:
– Compri un cornetto algida all’amarena. Quello che nella foto ha una pianta di amarene infilata in una nuvola morbida di gelato cremoso e quando lo apri e togli il coperchietto di cartone ha un gelato di granito e una mezza amarena affogata in un suo stesso sputo. L’hai comprato in funzione di due cose soltanto: l’amarena merdosa in punta e il pimpirillino finale del cornetto, nel quale c’è quel milligrammo di cioccolato duro e squisito. Lei (o anche un tuo amico che però potrai – almeno – mandare affanculo) mangerà quelle due cose.
– Apri un saccottino del mulino bianco. Nella foto sulla confezione c’è questo saccottino aperto dal quale cola circa mezzo chilo di marmellata.
Non è stato aperto, pensi, si è spezzato in due dalla pressione lavica della marmellata. Dentro c’è una fototessera di marmellata. Un c’era una volta della marmellata. Il suo ricordo.
Devi mangiare il saccottino da tutti e quattro i suoi lati, un pezzo alla volta, impastandoti la bocca e immaginando l’ultimo centimetro nel quale ti aspetta una pellicola di marmellata che ti si scioglierà tra le labbra e quando finalmente ci arrivi, quando hai quel dannato francobollo tra le dita, arriva lei e se lo mangia.
– L’ultimo boccone. Vale per tutte le cose. Mangi con relativa velocità dividendo mentalmente tutti i bocconi che sono a tua disposizione, godendoteli con un leggero anticipo. Ogni morso di panino, ogni forchettata di pasta, ogni pezzetto di bistecca preannuncia quello che seguirà. Ma al penultimo boccone lei ti mangerà l’ultimo, lasciandoti totalmente spiazzato, come in un coito interrotto.

La mia parte femminile

Le donne mi dicevano “sei troppo maschio!”, “sei troppo virile, troppo rude, insensibile! Ma dove ce l’hai la tua parte femminile?”
Eh! Dove ce l’ho la mia parte femminile?
“Cercala! Trovala!”
Ma dove la cerco la mia parte femminile?
La cercavo e non la trovavo…
Poi un giorno, improvvisamente, l’ho vista!
La MIA parte femminile… piccola, piccola… però c’era!
L’ho messa a fuoco… e non me la sono più persa.
E ci parlavo colla mia parte femminile, ci comunicavo…
Era bellissimo! Eravamo solo io e la mia parte femminile…
E ogni giorno le davo forza, le davo energia!
E piano piano l’ho vista crescere… svilupparsi!
E giorno dopo giorno diventava sempre più importante per me!
Giorno dopo giorno diventava sempre più grande…
E quando la mia parte femminile è diventata abbastanza grande…

ME LA SONO FATTA!

Scoperte

L’uomo scoprì le armi, ed inventò la caccia;
la donna scoprì la caccia ed inventò le pellicce.

L’uomo scoprì i colori ed inventò la pittura,
la donna scoprì la pittura ed inventò il trucco.

L’uomo scoprì la parola, ed inventò la conversazione;
la donna scoprì la conversazione ed inventò il pettegolezzo.

L’uomo scoprì l’agricoltura ed inventò il cibo,
la donna scoprì il cibo ed inventò la dieta.

L’uomo scoprì l’amicizia, ed inventò l’amore;
la donna scoprì l’amore ed inventò il matrimonio.

L’uomo scoprì la donna ed inventò il sesso,
la donna scoprì il sesso ed inventò il mal di testa.

L’uomo scoprì il commercio ed inventò il denaro,
la donna scoprì il denaro, ed è da allora che non funziona più niente.

Cosa le donne devono imparare dai film porno

  1. Le donne portano i tacchi alti a letto
  2. Gli uomini non sono mai impotenti
  3. Dieci secondi di cunnilinguus sono più che soddisfacenti
  4. Se un estraneo scopre una donna intenta a masturbarsi, lei non si mette a gridare ma piuttosto insiste per fare sesso con lui
  5. Le donne sorridono con grazia quando gli uomini ricoprono loro il volto di sperma
  6. Alle donne piace fare sesso con uomini brutti e di mezza età
  7. Le donne gemono in modo incontrollabile quando fanno i pompini
  8. Un pompino salva sempre una donna da una multa per eccesso di velocità
  9. Le donne vengono sempre nello stesso momento degli uomini
  10. Tutte le donne fanno rumore quando scopano
  11. Quelle tette sono vere
  12. Una pratica comune e piacevole per un uomo è di prendere il proprio pene semi eretto e schiaffeggiarci ripetutamente il culo di una donna
  13. Gli uomini dicono sempre “Oh, yeah” quando vengono
  14. Se poi sono in due si “danno il cinque” (e la donna non obietta)
  15. La doppia penetrazione fa sorridere le donne
  16. Gli uomini asiatici non esistono
  17. Se trovi un ragazzo e la sua fidanzata che scopano dietro ai cespugli, lui non ti picchia a sangue quando metti il tuo cazzo in bocca alla fidanzata
  18. Quando prendi una donna da dietro, puoi veramente farla eccitare dandole uno schiaffetto sul culo
  19. Le infermiere succhiano il cazzo ai pazienti
  20. Quando una donna becca la sua migliore amica mentre fa un pompino al suo ragazzo si rabbuia per un attimo e poi fa sesso con tutti e due
  21. Le donne non hanno mai mal di testa o mestruazioni
  22. Quando una donna fa un pompino è importante ricordarle di succhiarlo
  23. I culi sono puliti
Cerca nel sito
Archivio
Immagine casuale
67
Torna su