Home

Benvenuti in questa manifestazione di orgoglio maschile.

Questo sito dedicato all’essere più elegante, più raffinato, più coinvolgente, più essenziale, più contorto, più misterioso, in poche parole più TROIA.
Quanto state per leggere , senza indugi e senza false ironie, un trattato di misoginia. Il suo scopo rendere evidente la stupidit femminile, e la tendenza della “donna” ad assumere in maniera pressoché totale l’appellativo di “troia”.
La prima affermazione non richiede ulteriori spiegazioni, giacché qualsiasi maschio che si rispetti ha già avuto modo di costatarla per esperienza diretta (salvo che non sia autistico o sofferente del morbo di Eisenstein*). Per la seconda occorre fare alcune doverose precisazioni. Una parte di me (quella che poi ha prevalso) spingeva affinché io descrivessi a fondo questa caratteristica della femmina umana, dotando i miei lettori di un buon campanello d’allarme. Un’altra parte di me, invece, voleva che tenessi per me le mie tesi (peraltro dimostrate ampiamente nel seguito).
Mi ricordo una frase del mio buon amico P.G.: “sì, ho capito… ma non che puoi dirlo a tutti che le donne sono troie… qualcuno ancora non lo sa e gli rovini la sorpresa… quindi cerca di moderarti…” Per poco non gli davo retta Ma quando poi aggiunse: “poi almeno una di donna non troia ce ne sarà… e la troverò prima io!” Non ebbi pi dubbi e decisi di evitare che altri sventurati arrivassero a soffrire di questo miraggio. Le donne tutte troie? E allora? Le volevamo tutte suore? Naaaa meglio così… scopate scopate scopate… sarà l’Heavy Metal o il capello lungo ma io scopo sette giorni su sette. 6 giorni con la mia fidanzata e il venerdi con una random scelta dalla mia lista… e non ditemi che sono un bastardo, perché io vi amo tutte e non permetterei a nessuno di farvi del male…
… Al posto mio…

CHIEDO UFFICIALMENTE SCUSA: NON E’ VERO CHE LE DONNE SONO TUTTE TROIE…
…ALCUNE LO SONO MOLTO DI PIU’!

Dotata sì di pochi neuroni (alcuni studiosi sostengono siano solo 2, i famigerati CIP e CIOP), ma sufficienti per farle avere una patente di guida o avanzamenti di carriera (in molti casi ottenute con fellatio), la donna a volte viene identificata da maschi sprovveduti come il nemico o l’avversario. Per questo motivo deve essere conosciuta meglio per poter poi essere sconfitta (trombata e sfanculata), e non essere invece inculati (lei carinissima fino al matrimonio, poi diventa scureggiona** , acida e cacacazzi, ti salvi solo se lo diventa prima). Infine riuscirete anche a capire come dominare la vostra donna, facendo s che non diventi come la barba: quella se la fanno anche i preti.

Insomma, speriamo che non diventerete (se lo siete gi non c’è niente da fare) come quei nerd schifosi e viscidi non molto differenti dagli zerbini (PER UNA FEMMINA! AAAAAAAAHHH!) che hanno tanto la figa in testa da perdere sangue dal naso una volta al mese


* Eisenstein: regista del film “La Corazzata Potemkin”. Non c’è bisogno di aggiungere altro.
**Scureggiona: Dicesi di fanciulla dal bacino di dimensioni non molto contenute. Rientrano in questa categoria il 90 % delle donne, anche perché chi non lo pensa di esserlo e quindi si sfonda di insalatine scondite, soprattutto nel periodo che va da marzo a settembre, con un notevole impatto negativo sull’aspetto umorale già di per sé influenzato dalle fasi lunari.

Il libro del Califfo – Capitolo 2

ALL’UOMO 2000: “TIRA FUORI LE PALLE, CAZZO!”

“Nella palude se sarva solo er coccodrillo”. Così Franco Califano, nella sua autobiografia erotica, “Il cuore nel sesso”, in uscita presso Castelvecchi, detta le regole dell’amore….. (seconda puntata)

“Quando mi chiedono se mi sono mai innamorato rispondo di no.
Mi sarebbe piaciuto tanto. Il fatto è che la donna ha il potere di prendere il sopravvento e allora non sei più libero, non sei più uomo…
Per mantenere la supremazia dell’uomo ci sono delle regole a cui non si sfugge. Ve le spiegherò una per una.

Primo. Non sono un maschilista. Sono un uomo all’antica, forse un po’ egoista. Il fatto è che raramente ho trovato la compagna perfetta, quindi perché accontentarsi, e soprattutto perché metterla prima di tutto e di tutti? Qua che entra in gioco il mestiere.

Anni fa ho incontrato un professionista, un architetto, in un ristorante di una provincia del Nord, abbiamo chiacchierato del più e del meno e dopo un po’ il discorso è finito chiaramente sulla fica.
Lui mi ha raccontato che aveva una storia da dieci anni con una che non gli lasciava mai decidere un cazzo. Se si azzardava ad alzare la testa lei lo lasciava. Lui era chiaramente innamorato perso. Magari si sentiva dentro il bisogno di essere dominato.
Fatto sta che gli ho offerto la mia consulenza.

Bisognava seguire le regole. Se lei continuava a cercarlo da dieci anni evidentemente significava qualcosa. E questo era già un bel vantaggio. E uno. Si doveva capovolgere la situazione e trovare il coraggio di imporsi. Gli ho detto che doveva osare, negarsi al telefono, rimandare gli appuntamenti. Doveva trovare delle scuse del tipo “Mi arrivano due amiche da fuori e le devo portare a cena, vieni anche tu?”. La risposta sarebbe stata no. Sicuro come le tasse. L’architetto mi ha risposto che per lui sarebbe stato impossibile.

Ho rosicato parecchio e me ne sono andato a letto. All’alba.
Qualche tempo dopo mi arriva una telefonata. Era lui. Ma in realtà non era più lui. Menomale. Aveva messo in pratica le mie regole. Dopo i primi scazzi con la donna la serie di “sole” che le aveva tirato aveva funzionato, in poco tempo era diventata dolcissima. Uno zucchero. Aveva vinto lui.

Questa parabola mi serve a spiegare come alcune volte è veramente semplice risolvere una questione sentimentale. Nella palude se sarva solo er coccodrillo. Si devono tirare fuori le unghie sennò con le chiacchiere si perde e basta. Solo le regole ti permettono di stare in pace con te stesso, di uscire vivo dal pantano.
Le donne non vanno subite. Mai.
Una non mi chiama per due giorni? Io scompaio per una settimana. Mi chiama con un giorno di ritardo? Mi faccio negare. Questa è la regola numero due. Basilare. La madre di tutte quante.

Quanti di voi corrono quando lei chiama? Provate a fermarvi, dateve ‘na calmata. Sembra difficile ma è meno doloroso di quanto sembra.
Se vi innamorate seguendo le regole avrete veramente svoltato. Sarà un’altra storia. Rischiate, fate i coccodrilli, azzannate la preda. Tirate fuori le palle, cazzo. Siamo tutti condannati alla caccia, non ci ferma nessuno”.

Il libro del Califfo – Capitolo 1

Introduzione

(non c’è parola migliore per iniziare)

Sapete perché ho scritto un libro sul sesso? Perché me l’hanno chiesto. E hanno fatto bene.
Sono anni, infatti, che continuo a leggere e ad ascoltare una serie di cazzate proposte proprio da quelli che ne dovrebbero sapere di più: sessuologi, psicologi e intellettuali vari. Una delusione!
La mia laurea è la pratica, migliorata da anni di guerra sul campo. Come se il nuoto fosse insegnato dai professori di fisica. Annegherebbero tutti. Perchè ci vuole uno pratico. Manca il nuotatore.
Quello che mi spinge a dire tutto quello che so è la voglia di andare incontro ai giovani, specie quelli più sprovveduti, quelli che non sanno da dove iniziare.

Il sesso è una materia che va affrontata seriamente, senza ricorrere per forza ai paroloni che ti ubriacano il cervello e basta.
Questo libro è un prontuario pratico sulla conquista, senza tutti i giri di parole di cui sopra. Esploreremo le svariate isole dell’arcipelago sesso: da come comportarsi al primo appuntamento all’uso del preservativo (il maledetto); dal bacio in bocca, che oggi sembra essere diventato un dettaglio (mentre è importantissimo), all’oggettistica sessuale. In realtà il fatto curioso è che una volta si sapevano sicuramente più cose di adesso.

Cari amici, io mi sentirò vecchio solo 5 minuti prima di morire ma penso di essere in grado di raccontarvi alcuni trucchi del mestiere.
In realtà quello che mi preoccupa veramente è l’ipocrisia dei giorni nostri. Nonostante Internet, i computer e i cellulari satellitari, quello che ci manca è la vera comunicazione. Oggi tutti pensano di sapere tutto. Manca l’umiltà di confrontarsi con l’esperienza. E se questo costituisce un problema minore per la donna, che da che mondo è mondo sta sempre cent’anni avanti all’uomo, per quest’ultimo la situazione spesso è drammatica.

Continuo a vedere le colonne di Fiat Uno o di Renault Clio con dentro quattro ragazzi di vent’anni che, a via Veneto, cercano la svolta. Ma quale svolta. Perdono solo tempo. Oltre a profanare il tempo della dolce vita. Oppure quelli che dopo aver ballato per tre ore riportano la pischella a casa alle cinque di mattina e finiscono la nottata coi cornetti caldi.
Questa guida è anche per quelli che vanno a rimorchio in tre-quattro perchè non hanno il coraggio di farlo da soli. E dopo qualche ora ritornano a casa in tre-quattro, gli stessi di prima. E basta. Belle serate, complimenti! Quello che voglio dire è solo il frutto di esperienze reali e intime.

Cari studiosi, docenti e ruffiani vari, aprite le orecchie.
Il sesso è un bene comune.
A quelli che spareranno a zero contro di me dicendo “ma questo lo sapevo pure io”, gli dirò “sì ma è toccato parlarne a me, perchè voi queste cose non l’avete mai dette; e quando lo avete fatto le avete dette male. Senza sapere di cosa parlavate. Senza farvi capire. Senza il dovuto rispetto per il cazzo. E per la fica”.
(Una delle principali cause per cui si è arrivati a questa situazione oramai parecchio difficile da risolvere).

Tappo 710

Alcuni giorni fa ero in un salone per guardare alcune auto. Arriva una cliente e chiede al venditore, se puó venderle un “tappo 710″ che sfortunatamente ha smarrito o non trova piú. Il venditore e molti altri clienti presenti sono meravigliati, non avendo mai sentito dire di un “tappo 710″. La donna insiste, trattasi proprio di un “tappo 710″, un pezzo del motore. Il venditore le chiede se gentilmente puó fare un disegnino, al che lei traccia un cerchio di circa 8 cm e dentro vi scrive “710″.

Il venditore guarda attentamente il disegnino, guarda molto attentamente la donna, e finalmente intuisce.

710

W.E.B. – Women Brain Expander

Basta con tutti i pregiudizi sulle donne!

Finalmente è arrivato sul mercato un prodotto rivoluzionario!

W.E.B.
Women Brain Expander (Espansore cerebrale per donne)

Fornisce virtualmente un livello di raziocinio simile a quello di un uomo!

INCREDIBILE!

Caratteristiche del W.E.B.:

Provoca stimoli elettrici ai due neuroni del cervello femminile (CIP e CIOP).
Evita i loro movimenti inutili con il rischio di annullarsi.
Ottimizza lo spazio vuoto del cervello femminile.
Elimina la pulsione verso oggetti e acquisti inutili.

STRABILIANTE!

Testimonianze di alcune clienti soddisfatte:

“Dopo aver usato W.E.B. la mia vita è cambiata! Adesso so come cambiare una lampadina!”

FANTASMAGORICO!

“Dopo W.E.B. riesco a cucinare un piatto di spaghetti in sole due ore!!!”

SORPRENDENTE!

Non perdere altro tempo, chiama!

Ricorda: W.E.B. Women Brain Expander (Espansore cerebrale per donne)

Lo sfogo di una femmina 3 – Il ritorno

Una delle tante visitatrici di queste pagine pensa bene di spedire una mail al sottoscritto…

Mi piace il tuo sito…
Se hai bisogno di una ragazza nelle tue lunghe notti solitarie, scrivimi.

WOW! Non vedo l’ora… Ora che pubblicherò le sue parole mi verrà a cercare a casa…

AngelOfDark: bel sito
Io: il miglior complimento è la diffusione
AngelOfDark: già fatto
Io: 10x
AngelOfDark: yess
AngelOfDark: di dove sei?
Io: roma
AngelOfDark: età?
Io: 25… ma che è il 3o grado?
AngelOfDark: ahahah…no,scusa…volevo solo conoscerti un pò di +
Io: wow sei gay?
AngelOfDark: mi piacerebbe
Io: e chi te lo impedisce la tua fiancee?
AngelOfDark: chiiii?
Io: la tua fidanzata
AngelOfDark: no…
AngelOfDark: non ho la fidanzata
Io: nnaggia…
AngelOfDark: perché?
AngelOfDark: ti scoccia che ti parlo?
Io: no mi sto così divertendo!
AngelOfDark: ahah
AngelOfDark: suona come una presa per il culo
Io: perché il tuo culo suona quando ti prendono?
AngelOfDark: vuoi provare?
Io: mmm perché no!
* AngelOfDark si gira e si cala jeans
AngelOfDark: ma,la tua ragazza…?
Io: vuoi che lo faccia lei?
AngelOfDark: intendevo,ce l’hai?(la ragazza)
Io: al singolare? Sai che noia
AngelOfDark: quante?
Io: quelle che capitano mica c’ho il fisso
AngelOfDark: mi sembra la risposta + adeguata,in effetti
AngelOfDark: come sei?
AngelOfDark: fisico?
AngelOfDark: per cominciare
AngelOfDark: chiederti subito il carattere mi sembra troppo

E poi dicono che siamo noi maschietti i materialisti…

Io: senti tesoro io frocio non lo sono ma se ti mando a fare in culo non ti offenderai immagino…:)
AngelOfDark: fai così anche con le donne o con loro chiudi subito? visto il tuo sito lo immagino
Io: perché volevi propormi qualche amica? :)
AngelOfDark: “conosci la differenza essenziale tra sesso e conversazione”
Io: certo!
Io: conversazione è una delle maniere preferite per avere sesso
Io: uaz !
AngelOfDark: anche in questo istante
AngelOfDark: ?
Io: in chat? Con un frocio a cui piacerebbe essere frocio? :)
AngelOfDark: il mio nome è xyz è FANTASTICA
AngelOfDark: come ti chiami?
Io: E=MC^2, per le amiche BLECK&DECKER
AngelOfDark: suona bene
AngelOfDark: potrò urlarlo + tardi?

Se vai a lavorare, forse…

AngelOfDark: o forse non rappresento il tuo ideale di donna?
Io: per me puoi urlare pure che ti piacerebbe essere frocio… se la mammina non ti porta alla neuro:)
AngelOfDark: come è fatta la donna che ti scoperesti all’infinito senza tregua?
Io: non mi scoperei mai una donna all’infinito senza tregua…
AngelOfDark: perché no?
Io: perché dopo un po’ mi viene fame
AngelOfDark: e se intanto lei ti imbocca?
Io: no quando mangio devo concentrarmi sul pasto
AngelOfDark: ok…allora come è fatta la donna dei tuoi sogni?
Io: l’unica cosa che è solo un sogno è che non rompa i coglioni
AngelOfDark: questo sembra il tema della tua vita…io ti rompo i coglioni?
Io: no… ma probabilmente è perché ancora non ci sei arrivata…
AngelOfDark: allora me la fai questa descrizione fisica?
Io: come no… comincio da sotto o da sopra?
AngelOfDark: sotto
Io: allora 44 di piede
Io: ti eccita eh?
AngelOfDark: non con così poco…mi dispiace per te
Io: che ti serve per eccitarti, sapere da quant’è che non mi faccio il bidet?
AngelOfDark: una tua foto magari…
AngelOfDark: integrale

Giuro che ero tentato di mandargliela…

Io: non ho foto mannaggia
AngelOfDark: hey, questa frase non c’è nel sito alla sezione COME CHIUDERE UN DISCORSO CON UNA STUPIDA FEMMINA
Io: certo perché non serve a quello
Io: e tra l’altro non c’è quella sezione
Io: (ma puo’ darsi che la mettero’)
AngelOfDark: figo
AngelOfDark: cosa significava la tua quartultima frase?
Io: non ho foto mannaggia = opperdincibacco, non sono provvisto di fotografia da inviarti!
AngelOfDark: non può essere tutto qua
AngelOfDark: qual è il secondo significato subliminare di tutto ciò?
Io: perché il primo significato subliminaLe quale sarebbe?
AngelOfDark: eheh

Questa è debole… è già alla sua prima risata isterica…

AngelOfDark: (non è una risata isterica)

Appunto…

AngelOfDark: sai che ho imparato tutte le 23 regole dei film porno?
Io: sicura?
AngelOfDark: sì
Io: e allora sei assunta
AngelOfDark: per cosa?
AngelOfDark: (…)
Io: per il mio prossimo film
AngelOfDark: tu fai film? ne sei il protagonista?
Io: no il produttore
AngelOfDark: ci saranno altri protagonisti oltre a me o dovrò fare tutto da sola?
Io: no no tranquilla
Io: c’è il mio dobermann che fa mammolo

Titolo del film: Biancaneve e i sette cani. Indovinate chi fa Biancaneve?

AngelOfDark: domanda bastarda
AngelOfDark: che idea ti sei fatto di me fin’ora?
AngelOfDark: sinceramente

Bastardissima, veramente…

Io: nessuna
AngelOfDark: allora ti chiedo di fartene una
Io: ok
Io: allora devi essere una ragazza molto sensibile
AngelOfDark: ho detto sinceramente, non voglio una presa in giro
Io: più sincero di così… si muore
AngelOfDark: non so perché, ma diffido
AngelOfDark: ho ragione?
Io: le donne hanno sempre ragione
AngelOfDark: tu parti prevenuto
Io: per dove?
AngelOfDark: nel giudicare
Io: davvero?
AngelOfDark: si si
AngelOfDark: secondo me
Io: e ora come faccio…

Avevo sbagliato… questa è tosta, cerca una scusa per cambiare discorso, e lo fa con grande disinvoltura…

AngelOfDark: aspetta un secondo…
AngelOfDark: ho una tarantola che mi cammina sulla gamba
Io: hai le ragnatele sulla fica?
AngelOfDark: no
AngelOfDark: hanno lasciato aperto lo sportello della gabbietta
Io: perché ce l’hai ingabbiata? hai paura che l’uccello scappi? O che entri?
AngelOfDark: e la mia piccola trottolina è uscita
AngelOfDark: parlavo del ragno…non ti spaventare
Io: ah meno male… mi stavo veramente cacando sotto

E ora cerca di buttarsi sul fetish…

AngelOfDark: aspetta un momento che vado a fare la pipì…
AngelOfDark: non scappare ok?
AngelOfDark: eccomi!
Io: wow mi stavo preoccupando
AngelOfDark: allora a me ci tieni…
AngelOfDark: ;-)
Io: e come no!
AngelOfDark: in che senso?
Io: nel senso che ci tengo a quelle che mi alimentano il sito
AngelOfDark: è per questo che mi stai ancora rivolgendo la parola?
Io: ovvio cosa credi che vengo in chat per trovare la mia anima gemella?
AngelOfDark: giusto
AngelOfDark: se non ti avessi alimentato il sito, come mi avresti liquidato?
Io: impossibile che non mi avresti alimentato il sito
AngelOfDark: dici?
Io: dico

Visto?

AngelOfDark: sai prima che ti ho detto che avevo sparso la voce del sito?
Io: eh
AngelOfDark: non era vero
Io: nnaggia
AngelOfDark: capita
AngelOfDark: amen
AngelOfDark: non mi parli +?
Io: quando non ti parlo più te ne accorgi tranquilla
AngelOfDark: dici davvero?
Io: dico davvero
AngelOfDark: mi ritieni intelligente, allora, un minimo
Io: intelligentissima
AngelOfDark: ahahah che stronzo

E ora si passa alle maniere dolci…

AngelOfDark: cucciolo?
Io: l’alano di mia zia

Altro interprete del film…

AngelOfDark: posso dirti un’altra cosa ancora?
Io: e chi te lo impedisce
AngelOfDark: non sono una ragazza! hai parlato con un uomo per tutta la sera! ahahahahahahahahhaha
Io: che culo
AngelOfDark: pirla! ti ho pure mandato un’e-mail dall’indirizzo di mia sorella
AngelOfDark: uhauhauhauha
Io: wow salutamela quella simpaticona
AngelOfDark: tanto non la conosci
AngelOfDark: ciao
Io: qualcuno la conoscerà al posto mio, tranquilla
AngelOfDark: mia sorella non se la fa nessuno!
Io: è cosi’ cozza?
AngelOfDark: che t’importa?
Io: curiosità… da qualche parte l’isterismo deve pur venire
AngelOfDark: quale isterismo?
Io: no niente, scrivevo mentre ero sovrappensiero

E da qui in poi non mi ha più scritto nulla… Speriamo solo che non si sia mangiata anche le unghie dei piedi…

Lo sfogo di una femmina 2 – La vendetta

Per un banalissimo diritto di privacy manterremo anonimo il nome della Nostra amica

Amica: complimenti per il sito, davvero raffinato ed originale. Hai visto? Oggi mi è andata di lusso ho addirittura i neuroni funzionanti e riesco anche ad usare il pc tutta sola!

Io (che poi sarei io): wow… non chiamare il medico per così poco:)

Amica: no, pensavo di scrivermelo sul diario…sai un evento così raro…

Io: beh, non è male come idea!

Amica: cavolo!!! sono anche riuscita a pensare!! sto facendo progressi

Io: non ti eccitare troppo all’idea, potrebbe farti male…

Amica: ma… tutti questi luoghi comuni da maschietto frustrato da cosa scaturiscono? aspetta… forse scaturiscono è un vocabolo troppo difficile… uhmmm… diciamo così allora: da dove se ne vengono fuori? Qualcuna a cui sbavavi dietro non te l’ha data?

Io: mmm… puoi pensare così, se ti va…:)

Amica: la mia era una domanda… ho chiesto il perché non era un affermazione

Io: mah, ti dirò… fortunatamente non ho grossi problemi a “farmela dare”, come dici tu… :)

Amica: mi fa piacere per te (un po’ meno per quelle poverette) cmq non era questo il punto della domanda… il punto è: perché fare un sito del genere

Io: uhmmm, posso rispondere… perché no? :)

Amica: no non puoi perché così non fai altro ce confermare che non hai argomenti al riguardo

Io: :) Le argomentazioni sono tutte sul sito, mi sembra…

Amica: non ho chiesto cosa c’è scritto nel sito… cmq dai fai un piccolo sforzo da uomo con le palle e spiega a me povera FEMMINA ignorante nonché troia

Io: non ti abbattere così… dai…:)

Amica: come immaginavo… solo buono a nasconderti dietro ad un monitor e dietro ad un sito pieno di luoghi comuni da sfigati. Non sei buono neanche di parlare con un essere così “inferiore” (che si vede che poi tanto inferiore non è alla fin fine), sei ridicolo

Io: ti ringrazio per alimentare il mio sito con i tuoi sfoghi:) cmq tranquillizzati, non vale veramente la pena di farsi crescere il fegato così…:)

Amica: bah… non ho parole… davvero non sei capace di sostenere un discorso decente?

Io: giudica tu stessa…:)

Amica: infatti, volevo solo una conferma

Io: non credo che avrei potuto dire qualcosa che ti avrebbe distolto da questo pensiero:)

Amica: beh neanche ci hai provato

Io: a che pro? A me non interessa farti cambiare idea…

Amica: …

Amica: io non volevo cambiare idea volevo solo capire il senso del tuo sito

Io: e ci sei riuscita?

Amica: io te l’ho chiesto e non mi hai risposto

Io: quindi?

Amica: quindi se non volevi parlare potevi anche chiuderla la chat

Io: ma io sto parlando!

Amica: boh… non mi pare che non rispondere significhi parlare…

Io: se sto zitto significa non parlare… se scrivo invece…

Amica: sì ma potresti almeno portare avanti il discorso invece che rispondere così ermeticamente: uno che risponde così è palese che non vuole parlare

Io: potrei… hai detto bene… è tanto bella la libertà di parola, di espressione e di pensiero… io l’adoro… tu?

Amica: io dipende, se per libertà di parola intendiamo insultare gratuitamente delle persone allora non mi piace

Io: amen:)

Amica: ah ecco poi tu sei quello che parla…

Io: amen è una parola… che ci sono parole di serie A e parole di serie B?

Amica: vabbè va parlare con te è come voler spremere sangue da una rapa

Io: a volte…:)

Amica: ho notato

Qui passaano circa dieci minuti, in cui probabilmente la Nostra eroina cerca di ricaricarsi di veleno, dopodiché torna all’attacco…

Amica: posso farti una domanda?

Io: ja

Amica: definisci troia una ragazza che va con più ragazzi… giusto?

Io: c’e’ sul sito l’analisi della troia

Amica: appunto, è da lì che l’ho visto

Io: e allora devi specificare il quadrante…:)

Amica: Il tasso di puttanaggine quantifica la capacità di cambiare partner manifestata da una donna, tue testuali parole

Io: puttanaggine, non troiaggine

Amica: ah ok allora scusa puttana, non troia. Cmq una donna che cambia ragazzo spesso è puttana. Un ragazzo invece? Cos’è?

 

(E poi dicono che non sono invidiose!!!)

 

Io: un puttano?

Amica: un puttano…

Amica: strano perché voi maschietti solitamente lo chiamate: un tipo figo

Io: beh ma anche una puttana di solito è una tipa figa…:)

Amica: a casa mia puttana è dispregiativo e non indice di una ragazza ammirata

Io: a casa mia altamente apprezzativo:)

Amica: beh per te è un termine positivo perché non sei TU che vieni appellato in quel modo

Io: come no! io cambio partner più spesso della più puttana delle puttane!

Amica: qualcuno ti ha mai insultato per questo?

Io: se intendi avermi dato del puttano, sì, ma per me non è un insulto

Amica: beh ma per le donne lo è

Io: e allora? Problemi loro, no?

Amica: e quindi son problemi miei se mi insulti senza neanche conoscermi

Io: ja… 2+2= 4:)

Amica: le donne le ragazze, sono, fanno, dicono… ma chi cazzo sei tu?

Io: il lupo cattivo? :)

Amica: tu che ne sai di chi sono io, di cosa faccio come ti permetti di generallizzare?

 

(TI ODIO TI ODIO TI ODIO!)

 

Io: non si può?

Amica: hai incontrato troie nella tua vita? ok mi sta bene perché esistono ma allora sarebbe più giusto tu dicessi: L. è un a troia perché, S. è una troia perché ecc… non LE DONNE SONO TROIE perché in questo modo hai dato della troia anche a tua madre… sai è donna o non te ne eri accorto?

Io: eh lo so… ed è una delle migliori! :D

Amica: contento tu diavere una madre troia e non lo sto dicendo io sia chiaro, ma tu col tuo sito giusto per intenderci

Io: beh, se fossi nato da un maschio forse sarebbe potuto succedere, ma essendo io nato da una femmina… non potevo che farlo da una troia…

Amica: e già, che soddisfazione essere un figlio di troia…

Io: mah sai com’è, quando si hanno cose che hanno tutti non è che ci si fa poi tanto caso… :) )))))

Amica: io fossi in te non riderei e ripasserei la grammatica perché ho visto certi errori da far accapponare la pelle

 

(Effettivamente hanno una capacità fuori del comune di cambiare discorso…)

 

Io: l’importante è che il senso si capisca… e a quanto pare si capisce pure troppo:)

Amica: sai che si capisce? sono ignorante e me ne vanto questo si capisce al volo

Io: chi se ne frega dell’ignoranza quando si sta bene di corpo di mente e di panza (diceva il mi’ povero nonno)

Amica: sai… piccolo consiglio… io su un sito dove rivendico la superiorità dell’uomo eviterei di fare figure di cacca facendo errori da prima elementari tipo i verbi hahaha

 

(E qui capisco che è ora di chiudere, visto che le risate isteriche sono sintomo di escandescenze…)

 

Io: ti prometto che ci starò piu’ attento d’ora in avanti:))))

Amica: naaa non oberare di lavoro il piccolo neurone a tua disposizione… non preoccuparti… tanto gli altri tuoi simili neanche se ne accorgeranno dato che la maggior parte del tempo il vostro unico neurone sta in mezzo alle vostre gambe

Io: la maggior parte? :) )))

Amica: volevo essere buona

Io: sei stata cattiva invece…:)

Amica: e già cattiva osservatrice perché ora che mi ci fai pensre ci sta 24 ore su 24

Io: ohhh ora si’ che ci siamo:)

Amica: e tu saresti uno che rivendica la superiorità? hahahahahaha

 

(Ahia, seconda risata isterica…)

 

Io: no, che la esercita

Amica: si nei tuoi sogni forse, oppure sei circondato come credo da esseri monocellulari che tu scambi per donne

Io: ti lascio credere quello che vuoi (te l’avevo detto) :)

Amica: io credo ai fatti: fatto 1 sei un figlio di troia

Io: esatto

Amica: fatto 2 sei ignorante come pochi

Io: esatto

Amica: fatto 3 nonsai cosa sia una donna

Io: esatto

Amica: ooo visto? ci è voluto un po’ ma lla fine l’hai capito

Io: ti ho dato ragione:)

Amica: cosa intendi che mi hai dato ragione come ai fessi? hahaha con me non attacca sai?

 

(Terza risata isterica… E’ la fine…)

 

Io: ok:)

Amica: ftt

Io: scusa se ti ho fatto buttare un po’ di veleno, ma mi diverte troppo la cosa… cmq ora devo andare davvero, il lavoro impelle… Grazie ancora per avermi dato altro materiale! Bye bye!

Amica: altro materiale? prova a mettere log e poi te ne accorgi

 

CHE COSA MI FARANNO, SERGENTE? COSA MI FARANNO???

Lo sfogo di una femmina

Ecco per voi la testimonianza di una fanciulla sulle Nostre tesi…

Vorrei dirti che secondo me molte delle cose che hai scritto sono decisamente stronzate…

E fin qui…

Non sono una specie di femminista, io le odio le femministe, ma ciò non toglie che odio anche i poveri uomini sfigati che han bisogno di rassicurarsi sulla sfacciata fortuna di non esser donne.

Lo riconosce lei stessa che è una sfacciata fortuna, eh…!

Credo che sia solo questione di persone.. PERSONE… INDIVIDUI DIVERSI.
Penso che ci siano moltissime donne stupide e tantissimi uomini idioti.
Penso che giocare a incendia la scoreggia non sia divertente e che non sia divertente nemmeno passare ore tra i negozi.
Penso che esista una particolare femminilità che non è né volgare né da film porno.
Penso ci siano tante donne meravigliose che usano la propria vita per qualcosa di più che annuire ad un uomo complessato.
Penso che la maggior parte degli uomini si senta grasso e come dici tu probabilmente LO E’.
Penso ci siano tante donne che se la tirano e non se lo possono permettere.
Penso ci siano uomini stupidi idioti che compiono violenze continue sulle donne, violenza psicologiche e fisiche in nome di non si sa quale superiorità.
Penso ci siano donne che vengono abbandonate e fanno fatica a portare avanti famiglie messe in piedi da quegli uomini che tanto esalti, ma lo fanno e senza lagnarsi. Penso ci siano donne che fanno le stronze e uomini che soffrono se vengono lasciati.

Mmm neanche Marie Curie pensava così tanto… Attenta che ti fa male…!

Tu dici di no, che voi grazie al cielo potete uscire e farvene un’altra.
Ho visto ragazzi morire dal dolore per ragazze e ragazze tirarsi su e dire vaffanculo a ragazzi bastardi.
Ho visto un po’ di tutto e per questo trovo che hai parlato per frasi fatte e per considerazioni prive di buon senso, prive di fondamento.
A me nel complesso non me ne frega niente di quel che scrivi sul tuo sito, io non ce l’ho con te, non sono irritata né nulla. Solo credo che siamo persone e basta… Credo che le donne abbiano difetti frequenti e che gli uomini abbiano difetti altrettanto frequenti.

Oh sì, non lo mettiamo in dubbio! Stiamo solo dicendo che accettiamo il difetto di scaccolarsi mentre non accettiamo il difetto di lagnarsi… Ahahahahahaha!

Penso che quando ci si innamora si può stare davvero bene e che se le cose finiscono male non è sempre perché lei è una rompicoglioni stronza puttana.

Può essere anche merito del bastardo di turno, infatti! Questo è un sito sessista, creato per esaltare il vero macho bastardo latino e ridicolizzare lo sfigato, oltre ovviamente a descrivere la femmina.

Penso dovresti pensare a quello che scrivi un po’ di più, tutto qui. Perché sennò l’unico frustrato sembri tu.

Era proprio quello che aspettavo di leggere… Credevo che non lo avresti più scritto!

Ciao, elisa.

Al prossimo sfogo, cara! Sarà preso in notevole considerazione… Chissà che fra qualche miliardo di messaggi tu non riesca addirittura a farCi cambiare una virgola del Nostro manifesto…
Come dite?
Difficile?
Intenditori…

La cavalleria è morta

Ovvero, è giunta l’ora di mettere in chiaro le cose!!!

MESSAGGIO SPECIALE PER LE DONNE: L’UOMO CAVALIERE E’ MORTO. LUNGA VITA ALL’UOMO DEL 2000!

  1. Se pensate di essere grasse, lo siete. Non chiedetelo a noi. Portate quel vostro culone che fa provincia in una palestra.
  2. Imparate ad utilizzare il coperchio del WC; se il coperchio è su, abbassatelo e non rompete i coglioni! Pisciare in piedi è più difficile che pisciare raso terra. naturale che qualche volta sbagliamo.
  3. Non tagliate i capelli. Mai. Quando commentiamo il fatto si creano sempre litigi.
  4. Compleanni, S. Valentino e Anniversari non sono crociate per vedere se riusciamo a trovare il regalo perfetto… ancora una volta.
  5. Se fate una domanda di cui non volete la risposta, aspettatevi una risposta che non volete sentire.
  6. Qualche volta non pensiamo a voi. Imparate ad accettare il fatto.
  7. Domenica: calcio/formula 1/qualsiasi altro sport. Lasciateci in pace.
  8. Fare la spesa NON è uno sport.
  9. Qualsiasi vestito mettete ci va bene. Sinceramente.
  10. Piangere è un ricatto. Fatelo se proprio non potete farne a meno, ma non aspettatevi che cediamo.
  11. Chiedete chiaramente ciò che volete. Allusioni e accenni non funzionano. Neppure le domande a qui.
  12. La maggior parte degli uomini ha due o tre vestiti, perciò cosa vi fa credere che siamo in grado di scegliere, sui trenta che avete, il vestito che va bene con le vostre nuove scarpe?
  13. “Sì”, “No” e “Mmmmmm” sono risposte accettabili.
  14. Un mal di testa che duri 17 mesi è un problema. Andate dal medico.
  15. Non è necessario che vostra madre sia la nostra migliore amica.
  16. Controllate l’olio. E’ parte essenziale della macchina.
  17. Il nostro rapporto non sarà mai come le prime due settimane in cui siamo usciti assieme.
  18. Non fate finta di avere un orgasmo. Preferiamo essere inefficienti che essere imbrogliati, tanto più che noi veniamo lo stesso!
  19. Ciò che abbiamo detto sei mesi o un anno fa (ammesso e non concesso che l’abbiamo VERAMENTE detto) non può essere usato come argomento in una discussione. Tutti i nostri commenti dovranno considerarsi scaduti e non più validi dopo sette giorni: un tempo più che ragionevole dopo il quale possiamo cambiare idea (soprattutto se si considerano i 7 secondi che impiegate voi).
  20. Assicurarci che le modelle delle riviste maschili sono create da un disegnatore vi fa apparire gelose e meschine e certamente non ci farà smettere di guardarle ancora.
  21. I modelli maschi e fustoni che vedete nelle riviste femminili sono tutti froci.
  22. Se qualcosa che abbiamo detto può essere interpretato in due modi ed uno vi fa incazzare, noi ntendevamo quell’altro.
  23. Lasciateci fare i guardoni. Se non guardiamo le altre donne come facciamo a capire quanto siete belle voi?
  24. Ogni volta che vi è possibile diteci quello che ci volete dire durante gli spot pubblicitari e non quando tirano un rigore.
  25. Le donne che portano il wonderbra, scollature profonde, o niente reggiseno, o T-shirt con reclame pubblicitaria all’altezza dei capezzoli, perdono il diritto di protestare se guardiamo le loro tette.
  26. Quando siamo a letto e sembriamo stanchi vuol proprio dire che siamo stanchi e non che vogliamo il divorzio.
  27. Quando volete il dolce a fine pasto, prendetelo. Non siete costrette a finirlo. Potete solo assaggiarne un cucchiaio. Non dovete assolutamente dire “Lo prendo/non lo prendo/non devo/mi fa ingrassare” e poi mangiarvene metà del nostro.
  28. Se fate una dieta non significa che noi dobbiamo mangiare pasti da conigli.
  29. I quattro gruppi essenziali di alimenti per l’uomo sono: pastasciutta, carne rossa, fritti vari e vino rosso. Accertatevi che quando cucinate ci siano in buona quantità, tutto il resto è contorno.
  30. Soprattutto quando siamo in auto non mettete mai in dubbio il nostro senso di orientamento: d’ora in poi potreste aspettarvi che ci fermiamo in mezzo alla strada e vi facciamo scendere a calci nel culo.
  31. NON vi azzardate a chiederci di poter guidare la nostra macchina, anche dopo che abbiamo finito di pagare le rate!

Io sono un nostalgico

L’uomo è cacciatore ma sotto sotto è la donna che sceglie…
Questa e altre frasi ormai costellano l’universo dei rapporti maschio femmina del secolo appena trascorso nonché di quello che stiamo vivendo.

Fortunatamente i nostalgici ci sono ancora, e io sono uno di questi… Di teoremi su queste pagine ne troverete a volontà, quindi evito di rompervi le scatole con altre verità inconfutabili, e vado a esporre la mia concezione dei fatti.

Non è andata sempre male, per noi maschietti: anzi, c’è stato un periodo in cui avevamo le palle talmente fumanti che sceglievamo la femmina, la schiavizzavamo, la riducevamo a oggetto di piacere senza che essa (neutro) facesse un solo disperato tentativo di ribellione.

I tempi, lo so, sono cambiati, e non sto qui a raccontarvi la storia, visto che in molti la conosceranno meglio di me. Quello che mi risulta più spassoso è che queste fanciulle diventano talmente insofferenti che quando riescono a far raggiungere al loro sottomesso lo stato di “servo della gleba”, sbuffano perché “non ci sono più i maschi di una volta”, quelli “con le palle”, con “la spina dorsale”… E chissà quante lamentele avrete sentito da femmine abbandonate, matrimoni falliti, rancori infiniti, esseri talmente inorgogliti da fare ormai nella loro frigidità motivo di lotta idealistica.

Scrivo bene, eh…

Ciò che vi esorto a fare, maschietti del 2000, è riprendere ciò che vi appartiene, ossia lo stato primordiale di BESTIE, quali siamo (NOI e LORO), e come tali comportatevi, ché è questo ciò che, latentemente, vi chiedono.

E non voglio sentire da voi sermoni quali la parità, la sensibilità, il rispetto e tutte queste boiate da sfigati. Sappiate che tutto può essere fatto sotto la stella di un sano e vincente romanticismo, quindi seguite il mio consiglio: fate pace con voi stessi e con l’animale che è in voi, scegliete la figa più arrapante nei dintorni e

PRENDETEVELA.

2 24

74 Top Banfe: genere schiavo

Ovvero se vi capita di dire cos, iniziate a preoccuparvi!
  1. Non so proprio come sia finito quel capello sulla mia giacca
  2. La Cucinotta non mi attira, è troppo meridionale
  3. La Schiffer non mi attira, è troppo nordica
  4. Non sopporto le donne belle e cretine
  5. L’intelligenza di una donna mi eccita più delle gambe
  6. Mi piaci con i pantaloni
  7. Sono d’accordo, meglio i collant dei reggicalze
  8. Ma io sono diverso dagli altri
  9. Ma tu sei diversa dalle altre
  10. Sono andato massimo a 100… comunque non più di 110 all’ora
  11. Non serve fermarci a chiedere, conosco la strada
  12. Stai calma, abbiamo abbastanza benzina per arrivare a casa
  13. Trovo che tu guidi benissimo
  14. Le donne guidano meglio degli uomini
  15. La rossa della contabilità in minigonna?! Non l’ho mai notata
  16. Siamo insieme da 15 anni e mi sembra ieri
  17. Trasmissioni porno in TV? Nooo…. Ma da quando?!
  18. Vorrei conoscere quei cretini che chiamano i telefoni sexy
  19. Il topless sulle spiagge è uno schifo. Lo dico per i bambini
  20. Da quando ti ho conosciuta non mi frega più niente del calcio
  21. Basta con le menzogne. Domani le dico tutto
  22. Ma no che non sei ingrassata
  23. Sto ancora dentro ai jeans di quando ero studente
  24. Adoro fare shopping
  25. Rivedrei Titanic con te altre dieci volte
  26. Con me le donne non hanno mai dovuto fingere un orgasmo
  27. Strano, non mi era mai successo prima di stasera
  28. Il Viagra? Che cos’è?
  29. Sei più sexy adesso di quando avevi 20 anni
  30. Ma non essere ridicola, quella potrebbe essere mia figlia
  31. Non vorrei mai una moglie all’antica, tutta casa, figli e cucina
  32. Rispetto le tue scelte
  33. Resteremo comunque amici
  34. Ti lascio perché non ti merito
  35. Lo faccio per te
  36. Lo faccio per i bambini
  37. So che non ti avrei resa felice
  38. Hai diritto alla tua libertà
  39. Niente avvocati: se ti servono soldi non hai che da alzare il telefono
  40. Il telefonino doveva essere fuori copertura
  41. Le batterie del telefonino si sono improvvisamente scaricate
  42. Ti chiamo appena arrivo
  43. Ho mangiato solo un’insalata e un caffè
  44. Sono praticamente astemio
  45. Qui tuo padre non ci scoprirà mai
  46. Ci vediamo in autunno appena rientriamo in città
  47. Bill Clinton è un porco
  48. Hillary Clinton è molto simpatica
  49. In fondo sono un po’ femminista anché’io
  50. Il mito della moglie vergine è roba da trogloditi
  51. L’aborto è una decisione privata che appartiene alle donne
  52. Nella mia aziendina si fa carriera con i meriti, non con il sesso
  53. Bella la mia segretaria? Ma l’hai vista?
  54. I molestatori di donne? In galera!
  55. Scusami, ma da qualche tempo sono allergico ai preservativi
  56. Non ti preoccupare
  57. Il matrimonio è un lusso che non ci possiamo ancora permettere
  58. Non ti chiedo niente, soltanto di restare a parlare un po’
  59. Arrabbiato con te? Ma figurati, un mal di testa può venire a tutti
  60. Va bene, se no no, non sono mica sordo
  61. C’è più che il mero sesso in una relazione
  62. Mia figlia è padrona di andare con chi vuole e dove vuole
  63. Se i miei figli fossero gay ne sarei orgoglioso
  64. Il telecomando è tutto tuo
  65. La prossima macchina la sceglierai tu
  66. Ti assicuro che ho spento la luce e il gas e ho sistemato il gatto
  67. Non chiamare quel ladro dell’idraulico, l’aggiusto io il sifone
  68. Me l’ha detto un amico
  69. Il gioielliere mi ha consigliato di aspettare che scendano i prezzi
  70. Se non mi credi, chiedilo ai miei amici
  71. Macché dimenticato. Ero sicuro che fosse domani
  72. Con te ho finalmente scoperto il piacere della monogamia
  73. Dormi, dormi, era solo uno che aveva sbagliato numero
  74. Lei è bella dentro, lei è sensibile…
Cerca nel sito
Archivio
Immagine casuale
sessopesci