Articoli marcati con tag ‘abbordaggio’

La caccia

Come conquistare una donna

Come conquistare un uomo

  1. Riempila di complimenti
  2. Rispettala
  3. Trattala con onore
  4. Falle le coccole
  5. Baciala appassionatamente
  6. Accarezzala
  7. Amala con tutto te stesso
  8. Ascoltala con attenzione
  9. Stuzzicala
  10. Consolala
  11. Proteggila
  12. Stringila a te
  13. Fai di tutto per tenerla
  14. Spendi soldi per lei
  15. Riempile sempre il bicchiere di vino
  16. Circondala di gioielli
  17. Falla sentire sempre sicura
  18. Preoccupati per lei
  19. Stalle vicino
  20. Sostienila sempre
  21. Vai fino in capo al mondo per lei
  1. Mostrati nuda
  2. Fai da mangiare

Per passare una piacevole serata

Sei ridotto male? Sei di pessimo umore? Hai le occhiaie?
PERFETTO!

Sì, sì! Hai sentito bene: così da schifo sei proprio l’uomo ideale per questa pesca. Ora dovresti uscire di casa senza dimenticare la tua tristezza e cercare un bar con un tavolo libero, possibilmente accanto ad una donna singola ed interessante. Se la fortuna scarseggia non demordere e continua a girare per i bar della città (…tutto sommato un po’ di movimento ti fa pure bene visto le tue condizioni…eh eh…).

Hai finalmente trovato ambiente e donna che fanno al caso? Siediti e fingi immensa tristezza e profondo dolore. Fai seguire un paio di sguardi persi e qualche sospiro. Ordina qualcosa di tosto, molto alcolico, del tipo “lo so che mi fa male ma devo bere per dimenticare”. Rimani lì piegato sopra il tuo bicchiere quando improvvisamente tiri fuori dalla tasca sinistra una lettera e dalla tasca destra un paio di occhiali rotti. Fingi ora un vano tentativo al fine di leggere il contenuto della misteriosa lettera e lasciati scappare sbadate, generose lamentele e sospiri di disperazione. A questo punto molto probabilmente la fanciulla scelta da te ti avrà notato. Questo è il tuo momento! Assumi la stessa faccia che un bambino ha quando viene privato a forza dei suoi giocattoli e dei suoi amici. Allora, solo allora, rivolgile la parola:

“Mi scusi, veramente non vorrei darle fastidio, ma questa lettera è molto importante per me. Guarda te cosa mi doveva succedere! Sa, uscendo dalla macchina mi sono caduti gli occhiali dalla tasca e li ho rotti!”

e con una espressione tra timidezza e sofferenza chiedile:

“Ehm, lei potrebbe leggermela per cortesia?”

Naturalmente la lettera va preparata in precedenza. Va redatta in una calligrafia ben leggibile e dovrebbe avere all’incirca il seguente contenuto:

Caro Luca,
Mi separo da te! Si, è vero, abbiamo avuto dei tempi meravigliosi! Nessun uomo prima di te era riuscito a farmi sentire così bene. Mi hai portato al teatro, ai concerti, al cinema – avevi sempre una nuova sorpresa pronta per me. Sei stato meraviglioso per come ti sei occupato della casa – Hai cucinato, lavato i piatti, pulito, senza mai una lamentela o irritazione. Ho sempre adorato profondamente la tua allegria, il tuo umore e la tua accortezza. Mai dimenticherò le passeggiate lunghe in Norvegia, le crociere sul mediterraneo, le partenze improvvisate, così, su due piedi, per passare il week-end a Londra, New York, Parigi o Sydney. Ho amato la tua dolcezza, la tua comprensione. Hai avuto sempre tempo per me, nonostante la tua posizione da primario al policlinico: veramente una cosa incredibile, sei un uomo fuori dal comune. Ma mi hai dato semplicemente troppa libertà. Francesco, quell’istruttore della mia palestra, è totalmente diverso, ma questo già lo sai.
Per favore, dimenticami! E’ meglio così, per entrambi.
Susanna

Beh, penso che non ci vorranno tante ulteriori spiegazioni. La lettrice della lettera capirà subito dalla prima frase di che cosa si tratta – una separazione – il che spiega anche il tuo stato. Gli aspetti positivi contenuti nella lettera ti faranno certamente fare la bella figura e alla fine la lettrice con buona probabilità disprezzerà Susanna : “che schifo!” – penserà – “…con un istruttore di palestra, poi…!”. Quindi potrai essere sicuro di aver ottenuto la sua solidarietà e questo dovrebbe essere l’inizio di una bellissima serata.

Tecniche d’abbordaggio

Mi piacerebbe che fossi una porta, così potrei sbatterti tutto il giorno.

(Dopo averle leccato la maglietta) Perché non ti togli questi vestiti umidi?

Belle gambe… A che ora aprono?

Hai 206 ossa nel corpo, ne vuoi una in +?

Non sarò il tipo + bello nei paraggi, ma sono l’unico che ti parla assieme.

Oh, scusami, pensavo che fosse una sigla in braille.

Sono vere? Lo sai, se fossi te, farei sesso con me.

Tu. Io. Panna montata. Manette. Qualche domanda?

Scopami se sbaglio, ma il tuo nome non è Helga?

Il mio nome è XYZ… Ricordalo, lo urlerai + tardi.

Credi nell’amore a prima vista o devo ritornare?

Ti va una pizza e un po di sesso? No? Non ti piace la pizza?

Hey, belle scarpe… Vuoi scopare?

con lei che lecca il gelato: Lui – Posso dare una leccata? Lei – Nooooo!!! Lui – E al gelato…?

Salve, sono iscritto all’AIDO. Ti interesserebbe un organo…?

Cerca nel sito
Archivio
Immagine casuale
partitaeccitante
Torna su